Si conclude con la tappa di Copenhagen il roadshow europeo di CremonaFiere per la presentazione delle tre Manifestazioni musicali.

Lo staff di CremonaFiere ha incontrato gli operatori del settore musicale danesi confermando così il proprio ruolo di leva di marketing territoriale e di supporto ai propri espositori.

 Il roadshow di CremonaFiere nei Paesi Scandinavi si è concluso a Copenhagen dove, nella prestigiosa cornice del National Museet, si è svolta la presentazione delle edizioni 2014 di Mondomusica, Cremona Pianoforte e Mondomusica New York alla presenza di 60 operatori qualificati tra musicisti, costruttori e distributori.

 Il direttore generale di CremonaFiere Massimo Bianchedi ha sottolineato l’importanza della tradizione storica della liuteria cremonese ricordando che è tuttora molto viva grazie alla liuteria contemporanea. “L’ultima edizione di Cremona Mondomusica – ha spiegato Bianchedi – ha ospitato 222 espositori provenienti da 25 Paesi; si sono svolti 77 eventi complessivamente per Mondomusica e Cremona Pianoforte che hanno coinvolto 280 tra musicisti e relatori. Questi risultati sono stati raggiunti grazie all’enorme network che CremonaFiere ha costruito negli anni; nel 2013 sono state 41 le organizzazioni tra Associazioni, Istituzioni, Conservatori nazionali ed internazionali e Scuole di Musica che hanno collaborato alla realizzazione del programma eventi. Il modello di Cremona Mondomusica e la grande esperienza accumulata nell’organizzarla – ha continuato Bianchedi – ci ha spinto alla realizzazione di un nuovo e ambizioso progetto Mondomusica New York, la cui seconda edizione si terrà dal 10 al 12 aprile 2014 presso 82 Mercer, Soho. Gli Stati Uniti non sono solo il più grande mercato mondiale per il comparto della liuteria, ma anche la sede di molti importanti Teatri, Orchestre, Scuole di Musica e Associazioni; un Paese con una ricca storia liutaria e proprio negli Stati Uniti oggi operano molti dei migliori liutai del mondo”.

 Gli obiettivi delle missioni all’estero di CremonaFiere coincidono con il ruolo di leva di marketing territoriale proprio del polo fieristico cremonese che, in questo modo, vuole supportare il lavoro dei propri clienti per poter sempre più sviluppare le opportunità di business. Oggi più che mai è importante raggiungere nuovi mercati e CremonaFiere, attraverso la ricerca e la capacità di ampliare la rete di rapporti con Istituzioni ed Associazioni di settore di livello internazionale, persegue con sempre maggior convinzione questo scopo.

 Alla presentazione ha partecipato Knud Arne Jürgensen musicologo e storico del teatro danese che ha introdotto la performance musicale del giovane violinista danese Philip Benjamin Skow che si esibito a conclusione della presentazione interpretando, con un prezioso violino Nicolò Amati di proprietà della Augustinus Foundation di Copenhagen, un repertorio che ha spaziato dai classici Vivaldi e Bach, al Tango Jalouise del compositore danese Jacob Gade.

Leave a reply