Dal Piemonte, terra conosciuta per i suoi vini rossi, arriva a Il BonTà Fabrizio Roagna con un vino bianco eccellente, il Roero Arneis. Produzione di nicchia, attorno alle mille bottiglie l'anno

Nel cuore del Piemonte, terra di sublimi rossi, si produce anche un vino bianco eccellente, il Roero Arneis. Arriva dall’area del Roero, Fabrizio Roagna, che ha un’azienda vitivinicola a Priocca d’Alba, là dove il Tanaro segna la linea di confine tra le Langhe a ovest, colline dei grandi rossi piemontesi, e il Roero, a est. Proprio qui questi colli ridisegnati sono capaci di dare grappoli dorati per un vino bianco dal carattere piemontese e dal sapore mediterraneo, l’Arneis, stesso nome dell’uva. È a sinistra del fiume Tanaro che si produce questo vino bianco, autoctono. A destra si produce il Barolo. La produzione di Fabrizio Roagna è di nicchia; poche bottiglie all’anno, un migliaio, quelle del vitigno Arneis, oggi il vitigno più tipico e rappresentativo delle colline del Roero. Produce grappoli piccoli e compatti che nei terreni sabbiosi e calcarei esprime il massimo delle sue potenzialità. La zona dove si produce questo vino comprende solo pochi paesi. “Si tratta di un vitigno autoctono, rilanciato una trentina di anni fa, sta avendo un discreto successo. Produco il Roero Arneis, un vino bianco fermo che si adatta benissimo al pesce”. La piccola azienda di 4 ettari, Fabrizio l’ha ereditata dal nonno. “Risale ai primi del 900 – spiega – anche mio nonno e mio papà producevano vino”. Non solo Roero, ma anche Barbera e Nebbiolo d’Alba, provenienti dai vitigni nebbiolo e barbera. “La produzione di questi due vini si attesta sulle seimila bottiglie all’anno”. A Il BonTà il viticoltore porterà dei vini prestigiosi: un Roero Arneis 2013, un Barbera superiore 2010, e un Barbera 2011 e 2012. Un Nebbiolo 2009 e 2011 e anche un Barbera 2008. Prodotti di nicchia e di altissima qualità che si sposano bene con le caratteristiche della Manifestazione cremonese che accoglie i produttori delle eccellenze gastronomiche di tutto lo stivale.

Leave a reply