CREMONAFIERE HA APPROVATO IL BILANCIO PROGRAMMATICO PER L'ANNO IN CORSO. OBIETTIVI: INTERNAZIONALIZZAZIONE SVILUPPO DI SERVIZI DIGITALI INNOVATIVI PROGETTAZIONE DI NUOVI PRODOTTI

 Il Consiglio di Amministrazione di CremonaFiere ha approvato il bilancio programmatico per l’anno in corso .

Lo scenario competitivo internazionale ha visto, negli ultimi dieci anni, uno spostamento costante delle imprese che partecipano alle Fiere Internazionali verso i nuovi mercati, quali ad esempio la Cina che in pochi anni ha visto crescere in modo esponenziale il numero e le dimensioni delle iniziative fieristiche. Così come gli USA, sostenuti da una buona ripresa dei consumi interni.

 Molto diversa la situazione in Europa dove Inghilterra, Francia e Spagna si stanno progressivamente indebolendo, resiste la Germania grazie alla strategia di internazionalizzazione intrapresa da molti anni.

 La situazione italiana rispecchia sostanzialmente la stagnazione del mercato interno. Lo testimonia lo studio condotto da Cermes-Bocconi che evidenzia la situazione di acuta difficoltà in cui versa il mercato fieristico nazionale.

“In questo scenario – dice Antonio Piva Presidente di CremonaFiere – CremonaFiere si pone in una posizione relativamente avvantaggiata, grazie alle scelte strategiche operate: specializzazione ed internazionalizzazione delle Manifestazioni; qualificazione e dimensione del quartiere fieristico. Ciò ci differenzia dalla maggior parte delle realtà che operano in città di medie dimensioni e ci ha consentito di reggere, fino ad oggi, alla concorrenza di realtà internazionali più dotate, soprattutto per quanto riguarda l’offerta di servizi di marketing e di assistenza al cliente”

 Gli obiettivi fissati dal CdA sono il consolidamento delle Manifestazioni a livello nazionale e internazionale, con particolare riferimento alle Fiere Zootecniche Internazionali, BioEnergy Italy, Mondomusica, Cremona Pianoforte, Il BonTà, Mondomusica New York.

 “Nonostante il momento difficile, CremonaFiere – prosegue Piva – continua ad investire in nuovi progetti da affiancare ai tradizionali: la nuova Fiera dei prodotti alimentari italiani sul mercato americano; i settori dell’Avicoltura, dell’impiantistica lattiero casearia di piccole dimensioni, della Chimica Verde intesa come produzione in Agricoltura di materie prime e semilavorati per la produzione manifatturiera.”

 CremonaFiere- che è una società per azioni che opera esclusivamente con risorse proprie – lavora sempre di più nell’ottica dello sviluppo della promozione dei rapporti con i mercati esteri più importanti attraverso tutta una serie di strumenti che vanno dall’estensione e intensificazione della comunicazione utilizzando tutte le piattaforme ora a disposizione (Twitter, Facebook, Youtube), alla implementazione dei data base e del portale internet, alle missioni all’estero per la ricerca dei distretti produttivi e per la promozione diretta. Inoltre opera per l’implementazione di servizi verso i propri clienti, espositori e visitatori, quali ad esempio le nuove applicazioni su smartphone e tablet studiate apposta per rispondere alle esigenze degli operatori internazionali.

 Il Bilancio programmatico per l’esercizio 2014 evidenzia un valore totale di produzione pari a Euro 5.063.195,62; ammortamenti per Euro 664.832,74 ed un margine operativo lordo per Euro 1.068.942,91.

 LE MANIFESTAZIONI

Le Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona (la 69^ Fiera Internazionale del Bovino da Latte, Italpig – Rassegna Suinicola di Cremona ed Expocasearia) vedono ad oggi oltre il 70% di aree prenotate. Particolarmente ricco il calendrio dei convegni e dei seminari ed il programma dedicato alle delegazioni ufficiali provenienti dall’estero in particolare Est Europa organizzato nell’ambito di “Road to Expo”.

 Cremona Mondomusica ospiterà gli Stati Generali della Musica 2.0, una serie di eventi tra concerti seminari e tavole rotonde, che offrirà un inedito confronto tra il mondo degli strumenti classici e il mondo delle applicazioni digitali e nuove tecnologie.

 Cremona Pianoforte ha ricevuto la quasi totalità di riconferme nonostante i dati fortemente negativi delle vendite dei pianoforti di medio-alto prezzo; la Manifestazione ha riscosso la fiducia delle maggiori case produttrici e distributrici che ne riconoscono il valore di promozione e la capacità di avviare nuove iniziative di comunicazione.

Mondomusica New York si è confermata come il miglior strumento per entrare in contatto con nuovi compratori sul mercato più importante del mondo: 100 espositori, provenienti da 14 Paesi, 12 eventi tra concerti, seminari e workshop.

 Il BonTà sta registrando un buon andamento delle adesioni espositive da parte di aziende di tutte le regioni italiane ed anche dall’estero. Si è definito un articolato programma di eventi collaterali che vedranno tra l’altro la partecipazione di personaggi di primo piano nell’ambito dell’arte culinaria e dell’agroalimentare.

Leave a reply