Happy Cow Concert: sarà più buono il Latte Ravel o il Latte Schubert?

C’è un rapporto stretto tra produzione di latte e la musica ascoltata dalle mucche, lo dimostra anche uno studio della Leicester University

  • CremonaFiere ha organizzato un concerto, ospitato nella moderna stalla cremonese dell’Azienda Agricola “Cantarane” della famiglia Mondini, per scoprire gli effetti della musica classica sulla produzione di latte
  • 3 musicisti di fama internazionale coinvolti: Andreas KernRoberto Prosseda e Fabrizio Von Arx

Musica e zootecnia possono sembrare due mondi ben lontani. Eppure hanno in comune molto più di quanto si possa pensare. E non solo per i numerosi riferimenti al mondo bucolico disseminati nella produzione musicale classica, ma anche per recenti ricerche scientifiche, come quella portata avanti dalla Leicester University nel Regno Unito, volte a dimostrare che l’ascolto della musica classica può condizionare positivamente la produzione di latte.

CremonaFiere, organizzatrice dei due appuntamenti leader mondiali per gli strumenti musicali artigianali e per la zootecnia, Cremona Mondomusica e le Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona, ha voluto approfondire questo rapporto, soprattutto considerando che Cremona è al contempo la capitale italiana della produzione di latte e il più importante distretto liutario mondiale.

Ecco, dunque, il progetto Happy Cow Concert, che ha coinvolto tre concertisti di fama internazionale: i pianisti Andreas Kern e Roberto Prosseda, che hanno utilizzato per la loro performance il painoforte Steinway & Sons fornito dall’azienda Strinasacchi espositrice di Piano Experience e il violinista Fabrizio Von Arx, che sono stati ripresi mentre durante la loro performance musicale davanti ad un pubblico non di persone, ma di mucche.

“Di solito mi rifiuto di suonare per un pubblico che mangia durante l’ascolto, ma per le mucche posso fare un’eccezione. Tanto più che non parlano durante il concerto”, afferma Andreas Kern, pianista e conduttore televisivo tedesco, noto anche come inventore di format musicali innovativi, come Pianocity e Piano Battle.
“Ma si tratta di un esperimento assolutamente serio”, sottolinea Roberto Prosseda, “che nasce dalla nostra convinzione che la musica sia un patrimonio da condividere anche nella natura, e che può avere benefici effetti anche in chi non ha la cultura per capire un ascolto consapevole: come, appunto, le mucche.”

Obiettivo del progetto Happy Cow Concert è di focalizzare l’attenzione del pubblico e dei media sull’importanza della musica classica, non solo come elemento fondante della nostra cultura, ma anche come diritto di tutti, anche di chi non ha mai avuto occasione di ascoltarla o non ha avuto i mezzi per comprenderne i contenuti.
Dell’Happy Cow Concert è stato prodotto un video che verrà distribuito nelle prossime settimane sui principali canali online e sui social network.

Cremona è un territorio di eccellenza sia nella produzione musicale, di cui ha una storia unica al mondo – da Monteverdi a Stradivari – sia nella produzione di latte e nel settore dell’allevamento del bovino da latte.
Cremona Mondomusica (prossima edizione, 25-27 settembre 2015) e le Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona (28-31 ottobre 2015), le due Manifestazioni che consentono a CremonaFiere di occupare una posizione di leadership internazionale nei settori di riferimento, evidenziano che i due comparti non sono del tutto separati, ma possono essere integrati con effetti sorprendenti.

Leave a reply